Google+ Applicazioni Grafiche: Per un sapone preciso

giovedì 23 gennaio 2014

Per un sapone preciso



COLTELLO TAGLIA SAPONE

Per tutti gli amanti dei saponi artigianali che non sanno come tagliare la propria forma di sapone in modo rapido e preciso e che non vogliono usare un coltello da cucina per paura di farsi male o sporcarlo di roba tossica (e renderlo perciò inutilizzabile in ambito aumentare).



Servono:

- Flex 
- Barra di ferro zincato
- Cuffie antirumore
- Mazzotta da un 1 Kg
- Occhiali antiofortunistica
- due stecchette di legno (per il manico)

Prendiamo la barra a "L" di ferro zincato di 1 mm di spessore, anche se flessibile e deformabile, perche non è una barra ferro temprata, per quello che ne dobbiamo fare, ovvero tagliare sapone, va oltre modo bene. 


Battiamo con la mazzotta in modo da raddrizzare la "L"










disegniamo con un pennarello o una matita la sagoma del coltello che andremo a tagliare con il flex. Io ho fatto un coltello di 35cm solo di lama (che è la misura massima della forma di sapone artigianale che faccio ovvero, la lunghezza massima dello stampo) e altri 15 di manico per avere una comoda impugnatura.










tagliamo con il seghetto la parti dove non siamo riusciti ad arrivare con il flex e poi smussiamo tutte le imperfezioni e sbavature con una lima per ferro in modo da non tagliarci maneggiandolo.








a questo punto mettiamo il manico, prendiamo due listelle da 1,5 cm di spessore di legno, le tagliamo ad una lunghezza di 15 cm




facciamo 4 segni sul legno dove passeranno le viti con i bulloni, buchiamo il legno con il trapano e a questo punto segniamo con una mina il ferro del nostro coltello in modo da avere un riferimento su dove bucare con il trapano (con la punta per ferro).









Dopo di che prendiamo 4 viti della misura dello spessore del manico in modo che non sporgano troppo, e le avvitiamo 



A questo punto con una mola (la mia, visibile qua sotto, è stata ricavata da un motorino di avviamento di una 500 vecchio modello XD) andiamo a ricavare il filo della nostra lama.








incliniamo la lama a 45 gradi rispetto al disco di molatura e passiamo un paio di volte per lato, in modo da assottigliare lo spessore a meno del millimetro e renderlo tagliente.




Lucidiamo la lama con la carta vetrata di grana fine 800 o 1000 in modo da rendere la superficie a specchio senza però  intaccare lo strato protettivo di zinco, quindi non esagerate nemmeno strofinando troppo.





Diamo una mano di impregnante al manico del coltello che abbiamo creato e poi avvolgiamo il tutto con una laccio di scarpa e bagniamo anche quello nell'impregnate. Il laccio di scarpa coprirà eventuali imperfezioni e renderà l'impugnatura più morbida.







Finisco la discussione ricordando a tutti che, anche essendo una lama non tanto affilata (tanto serve per tagliare il sapone artigianale che ha la consistenza del burro appena uscito dal frigo) è e può facilmente diventare un'arma impropria, sopratutto se tirate un fendente con forza. Quindi attenzione quando la usate perché io non mene assumo nessuna responsabilità sull'uso futuro che ne farete XD. Anche perché io la uso solo per tagliare sapone. 


Per la manutenzione ordinaria:


Dopo ogni volta che taglio il sapone, lo pulisco e con una straccio passo una goccia di quello stesso olio vegetale che uso per fare sapone, in modo che non arrugginisca con il tempo (la zincatura per quanto fatta bene prima o poi si consumerà lo strato d'olio preserverò il filo e eviterà che si formino tracce di ruggine.)






Nessun commento :

Posta un commento