Google+ Applicazioni Grafiche: FRANCIA: Gli spazi urbani in disuso avranno nuova vita

mercoledì 12 febbraio 2014

FRANCIA: Gli spazi urbani in disuso avranno nuova vita





Ci sono molti luoghi abbandonati nelle nostre città, che aspettano solo di essere riscoperti a portati ad una nuova vita. Tra questi le vecchie stazioni delle metropolitane, per cui le proposte di recupero sono sempre più numerose. A Parigi si sta progettando di trasformare alcunestazioni della metropolitana, chiuse da 75 anni, in ristoranti, sale e piscine sotterranee. Nell'ambito della trasformazione in smart city, percorso in cui Parigi è da tempo impegnata, è certamente importante trovare delle soluzioni innovative per sfruttare in modo intelligente e multifunzionale le strutture esistenti in città.




La proposta arriva dalla candidata sindaco Nathalie Kosciusko-Morizet, ( la quale ha presentato un piano organico di recupero delle aree dismesse) che lavorando in team con gli architetti Manal Rachdi e Nicolas Laisne, sta proponendo una serie di idee per trasformare le stazioni metropolitane fantasma in una nuova risorsa per città. Attualmente le stazioni abbandonate sono chiuse al pubblico e sono utilizzate come discariche del sistema di trasporto metropolitano.




Nel corso degli anni, alcune delle stazioni sono state impiegate dall'industria cinematografica come sfondo per film o spot pubblicitari.La Metro St. Martin, che è stata chiusa temporaneamente durante la guerra e poi chiusa definitivamente dopo la liberazione di Parigi a causa della sua breve distanza da un'altra stazione, è stata utilizzata nel 2012 da Ridley Scott per il suo film Prometheus. La Croix Rouge è stata brevemente riaperta al pubblico per una mostra nel 2007.







Le proposte di trasformazione di questi spazi inutilizzati sono molteplici, dalla creazione di ristoranti, auditorium, gallerie d'arte, teatri e locali notturni, fino alla realizzazione di una lunga piscina sotteranea. Facessimo queste cose anche in Italia senza speculazioni...

Nelle foto sottostanti alcune immagini di come 
si presentano oggi le stazioni:





Articolo preso da: greenme.it

Nessun commento :

Posta un commento