Google+ Applicazioni Grafiche: La lavagna ovunque, ma fatta in casa

martedì 6 maggio 2014

La lavagna ovunque, ma fatta in casa



La parola 'decorazione' mi fa sempre, in prima battuta, pensare al colore.




In effetti credo che il modo più semplice e meno costoso per rinnovare e recuperare un vecchio arredo o per cambiare aspetto alla porta del bagno non più fascinosa sia quello di modificarne il colore e ricolorare. Inoltre, a condizione di non volersi confrontare con opere di alta maestria coloristica, è sicuramente alla portata di tutti: mettendo da parte paesaggi e nature morte, più semplicemente, si può ricorrere alla colorazione. Un'idea che funziona e di sicuro effetto è quella di utilizzare della vernice lavagna che, quest'anno soprattutto, ha avuto una grande diffusione. Forse proprio per il poco impegno che richiede e per l'ottimo risultato estetico. Si può acquistare già pronta in qualsiasi bricocenter, nei colorifici e anche in qualche punto vendita Lidl e nei supermercati più forniti.

Ma è possibile anche realizzarla in casa!!! 

Gli ingredienti necessari sono


malta senza sabbia (è molto importante che sia 'senza sabbia' per garantire un risultato omogeneo ed una superficie liscia. Nel caso non riusciste a reperirla optate per una malta a grana finissima). Ho letto in un articolo che anche utilizzando lo stucco il risultato è ottimo.Colore acrilico. Ovviamente qualsiasi colore, il nero è il più classico. 

Per le quantità ci si può regolare considerando di unire ogni 150 gr. di colore acrilico 2 cucchiai di malta.

Una volta stesa la pittura sulla superficie da trattare occorre attendere la completa asciugatura (io consiglio 24 ore) e carteggiare con la carta vetrata a grana sottile per rendere liscia la superficie trattata. 


Se volete poi rendere permanente la vostra opera con i gessetti, non vi resta che spruzzarvi sopra della comune lacca per capelli, che farà da leggero collante rendendo incancellabili al tocco i vostri disegni (ATTENZIONE con una passata di spugna bagnata andrà comunque tutto via).

Muri, mobili, etichette, segnaposto, targhette, vasi di terracotta, centro tavola, vassoi, lampadari, regali personalizzati, barattoli, calendari Sono solo alcuni esempi, questo metodo non ha quasi nessun limite. non mi resta che augurarvi BUON LAVORO!




















Fonte: trendalert.it

Nessun commento :

Posta un commento