Google+ Applicazioni Grafiche: Il Tavolo fosforescente (THE GLOWING TABLE) scopriamo come si fa!

giovedì 12 marzo 2015

Il Tavolo fosforescente (THE GLOWING TABLE) scopriamo come si fa!



Un tavolo che si illumina nella notte? IMPOSSIBILE! ED INVECE NO! Potete realizzarlo tranquillamente in casa vostra. Tutto quello che vi occorre è qualche tavola di legno di Cipresso Pecky che in italia è un po raro quindi opterei per le briccole di Venezia, rovere mangiato da bestie marine lagunari venete, ogni paese ha il suo e non c'è gran modo di produrli industrialmente OPPURE DEL BEL LEGNO DI PEDANA (PALLET), ANCHE QUELLO é PIENO DI BUCHI DA RIEMPIRE e non costa nulla. Polvere fosforescente, resina, qualche attrezzo e un po’ di olio di gomito.

Non esiste una resina con queste caratteristiche quindi dovete Mescolare la polvere fosforescente con la resina e utilizzandola per riempire i buchi naturalmente presenti del legno di cipresso Pecky, potrete creare delle zone dalle forme naturali e meravigliose che risplenderanno nel buio dopo che avranno assorbito la luce del sole.

L'autore rivela:
Dal momento che sono un accanito lavoratore del legno, avevo visto che a volte viene utilizzata la resina trasparente per proteggere il legno e anche per riempire i vuoti creati dai nodi del legno. Utilizzando questa tecnica antica ho solo aggiunto un po’ di polvere luminescente. Sono passati almeno 3 mesi da quando ho realizzato questo tavolo e continua ad illuminarsi alla grande! Sta all’interno del laboratorio e si illumina tutte le notti, la vedo quando ci passo per andare a casa”.

Ma cosa sono I Fosforescenti vediamolo insieme...

La Vernice Fosforescente NextGlow è prodotta da VerniciSpray che è tra i pochissimi a produrla in Italia con prestazioni ottime.

Cos’è la Vernice Fosforescente (o Fotoluminescente)?

Si parla di Vernice Fosforescente (detta anche Fotoluminescente) quando la vernice contiene pigmento fosforescente capace di caricarsi durante l’esposizione alla luce per riemetterla poi al buio in completa autonomia e per un arco di tempo più o meno lungo.

Per cosa può essere usata la Vernice Fosforescente (o il pigmento)?

I campi applicativi dei prodotti fosforescenti possono essere i più diversi. A partire dall’uso decorativo su piccoli oggetti per farli risplendere al buio, fino ad arrivare alla pesca o qualsiasi altra attività che svolgendosi anche di notte può essere facilitata se alcune parti dell’attrezzatura vengono rese ben visibili al buio. Inoltre troviamo l’uso per la sicurezza, ad esempio per segnalare ostacoli in luoghi poco luminosi oppure anche se stessi, o ancora l’uso in ambito commerciale ad esempio nel settore dell’intrattenimento. In questo rientra l’uso dei fosforescenti per insegne, per ottenere effetti particolari all’entrata di un locale, o anche per creare dei giochi di luce sulle pareti all’interno.
Infine, è d’obbligo ricordare il largo uso che ne viene fatto per verniciare la bicicletta, sia per motivi estetici sia per rendersi più visibili al buio.

Come funziona l’effetto fosforescente?

L’effetto fosforescente è possibile grazie al caricamento dei microgranuli di pigmento fotoluminescente contenuti nella vernice. Il caricamento può avvenire in due modi:
attraverso l’esposizione della superficie verniciata alla luce. Più lunga è l’esposizione, maggiore sarà l’intensità della luce fosforescente emessa al buio successivamente. Inoltre una luce naturale è preferibile rispetto a una artificiale in quanto il pigmento si carica soprattutto grazie ai raggi UV. illuminando la superficie verniciata con Luce di Wood, la cosiddetta Luce Nera o Luce UV. Usando questo metodo anche un’esposizione di pochissimi minuti è sufficiente per vedere subito l’effetto fosforescente (o fotoluminescente) al buio.

- Durata dell’emissione di Luce al buio. La durata dell’effetto fosforescente non dipende solo dal tempo di esposizione alla luce per il caricamento del pigmento ma varia anche in base ad altre variabili:
- La qualità del pigmento fotoluminescente: FONDAMENTALE La prima cosa da considerare per valutare le prestazioni di una vernice fosforescente è la qualità del pigmento fotoluminescente contenuto in essa. Se questo è di scarsa qualità, il tempo di emissione di luce al buio può consistere a volte in pochi minuti e avere anche una debole intensità. Spesso in commercio si trova proprio questo tipo di prodotti fosforescenti ed è per questo motivo che noi di VerniciSpray selezioniamo il migliore pigmento fosforescente in tutto il mercato mondiale, per garantirvi veramente alcune ore di luce intensa al buio.

- La grandezza dei microgranuli di pigmento. Una dimensione maggiore dei microgranuli di pigmento è sinonimo sia di una maggiore durata della luce emessa, sia di un’intensità maggiore di questa. Notare però che più i microgranuli sono grandi, più la superficie verniciata è ruvida, ma si tratta di una caratteristica trascurabile per la maggior parte dei tipi di applicazione. Inoltre è possibile applicare sul prodotto fosforescente un trasparente che rende la superficie più liscia: in questo caso fare attenzione che si tratti di un trasparente senza filtri UV, altrimenti sarà impedito l’effetto fosforescente.

- La colorazione del prodotto fosforescente. La finitura che permette un’emissione di luce al buio con durata e intensità maggiore di tutte è quella della Vernice (o Pigmento in polvere) nella colorazione standard verdognola. Questa infatti raggiunge le 12 ore di luce emessa al buio, anche se ovviamente con il passare delle ore l’effetto fosforescente tende ad affievolirsi sempre di più. Gli altri colori invece hanno tutti durata e intensità minori.

Decadimento del pigmento contenuto nella vernice: 10 anni.

Per le istruzioni dettagliate del progetto potete anche arare qui



















Il video della sua realizzazione invece lo trovate qui

Nessun commento :

Posta un commento