Google+ Applicazioni Grafiche: How Drawn with Moiré Patterns Il tutorial con illustrator: COW SKULL

mercoledì 15 luglio 2015

How Drawn with Moiré Patterns Il tutorial con illustrator: COW SKULL

Eccomi qui con l'ennesimo stile grafico che mi appassiona, dove semplicità e grafica avanzata si incrociano e si fondono perfettamente. Vediamo come creare un effetto Moiré Patterns con Illustrato e di applicarlo per disegnare qualcosa come ha fatto designer milanese Andrea Minini.



Questa bella serie di illustrazioni di animali dal designer milanese Andrea Minini nasce come un esperimento di progettazione per ottenere forme complesse e profondità che iniziano con poche righe. Utilizzando Adobe Illustrator, Minini creato in vettoriale le strutture di moiré che danno ad ogni sua illustrazione un'intensità sorprendente. Questo stile textured moiré patterns permette di creare degli effetti veramente sorprendeti





In questo post utilizzeremo quindi una funzione di illustretor già ampiamente spiegata in questo nostro articolo (se sei interessato a saperne di più clicca qui) per creare questo stesso effetto di Andrea Minini.


Cominciamo prendendo una bella immagine gratuita da Unsplash (Vedi questo articolo se non sai cos'è Unsplashpremere CMD + 2 per bloccarlo in modo da evitare accidentalmente di spostarlo mentre ci lavoriamo sopra


mettiamola in trasparenza al 50% ci servirà come guida per la creazione della nostra immagine


Ci serve lo strumento matita (pencil tool) se clicchiamo due volte sulla sua icona (nella palet degli strumenti sulla sinistra di illustrator) usciranno le sue opzioni. Bene impostatele come da foto. Tali impostazioni serviranno a rendere i nostri tratti fatti con il mouse più armoniosi e con meno spigoli possibili (questo lavoro infatti andrebbe fatto con una lavagnetta da disegno ma per chi non ne ha una questa soluzione che vi sto dicendo va più che bene)


dobbiamo fare i nostri disegni con il contorno non con il riempimento, scegliamo un colore scuro e impostiamo lo spessore come da foto.


a questo punto disegniamo dei tratti, a mano libera e nel modo più approssimato possibile, (ci servono solo dei tratti non i profili precisi seguendo i contorni della nostra immagine. Cominciamo con due e poi piano piano aggiungiamo gli altri.


Fatti i primi due vediamo come viene l'effetto. Selezioniamoli e andiamo come da foto e facciamo il percorso "OBJECT > BLEND > MAKE" si verranno a creare gradualmente tra la prima linea e la seconda, altre linee che man mano in modo graduale passeranno da una forma all'altra disegnando la prima parte del nostro effetto.


Possiamo modificare il numero di linee che si intercorreranno tra le due forme su Blend Options come da figura. Vi apparirà una finestra uguale a quella che è presente nell'immagine qui sotto.


le impostazioni che vedete in foto dovrebbero andare bene, ma siete liberi di sperimentare :)


tracciamo altri due linee e ripetiamo lo stesso procedimento di prima. Possiamo anche usare la scorciatoia Alt+Cmd+B (per chi ha un Mac, per i Windows Cmd corrisposte al Ctrl solitamente)


Se non siamo soddisfatti di quello che viene fuori nella palet degli strumenti di illustretor, solitamente sulla vostra sinistra, troverete la "freccetina bianca" che vi permette di spostare i punti che compongono una figura uno a ad uno (quella nera invece vi seleziona tutta la figura e tutti i suoi punti).


bene possiamo andare a spostare i punti del tracciato delle due figure iniziali (quelle su cui abbiamo applicato l'effetto blend) dove vogliamo finche non siano soddisfatti. Nella foto qui sotto ho spostato tali punti un po più in alto in modo da intersecarli meglio con il primo pezzo del mio lavoro


Procediamo ugualmente per la creazione della cavità dell'occhio...


...E cosi via per la prima metà della nostra immagine (ce ne serve solo metà l'altra sarà ottenuta ribaltando la prima).


Passiamo alla corna dell teschio e creiamo come al solito i primi due tracciati seguendo l'immagine sotto


Applichiamo l'effetto blend...


Una comoda opzione dello strumento matita è quello di permettervi di continuare il tracciato dall'ultimo punto. Vi accorgerete che ogni volte che utilizzate questo strumento ogni segno che fate finisce su un nuovo livello appena alzate il dito dal pulsante del mouse. Se volete continuare un tracciato che avete già designato per prolungarlo (come ho fatto io per le corna della nostra opera) non dovrete far alte oche selezionare quel determinato tracciato, posizionare la punta dello strumento matita sull'ultimo punto visibile e continuare a disegnare da li. Illustrator congiungerà i due tracciati su un unico livello ed in un unica forma.


Ho voluto dare un po più di profondità alle corna aggiungendo un secondo strato di linee che mi da l'ombra come potete vedere qui sotto.


Abbiamo appena finito di disegnare la prima parte. Bene togliamo la nostra immagine di sfondo che non ci serve più.


Selezioniamo tutti i nostri tratti facciamone una copia cliccando Cmd+C e subito dopo Cmd+V. Ribaltiamo la nostra copia una volta selezionata facendo click con il tasto destro del mouse e facendo TRANSFORM > REFLECT


Posiazioniamo la nostra figura vicino alla prima. Come si vede bene c'è uno spazio vuoto da colmare al centro. Niente paura....


Disegnano due archetti sopra e sotto al nostro teschio e con la solita scorciatoia Alt+Cmd+B riempiamo il nostro spazio con un ulteriore effetto blend. Sicuramente inizialmente il numero di segno fra il primo ed il secondo segno saranno pochi. Perché l'opinione Blend è rimasta sulle impostazioni di tutti gli altri segni che dovevano riempire meno spazio di questi ultimi due che invece attraversano tutta la figura. Andiamo su Blend Options e cambiamo il numero di segmenti da 20 a 100-150 circa.



Adesso non resta da fare un ultima cosa. Dobbiamo trasformare il nostro lavora da una serie di linee ad una serie di oggetti pieni. Altrimenti potreste avere problemi di ridimensionamento, o più semplicemente potreste avere problemi a colorarlo. Seguiamo questo percorso come in figura OBJECT > EXPAND dobbiamo farlo per due volte almeno.


Con la prima trasformeremo l'insieme dei segni in singole strisce. (Vi potete accorgere facilmente che se selezionate con lo strumento freccia nera uno dei vostri lavori vengono selezionati tutte le strisce presenti in mezzo a quelle due iniziali che avete tracciato voi con lo strumenti matita, ma le uniche esistente per illustrator sono appunto le prime due che avete tracciato e sono le uniche che hanno quei famosi punti che potete spostare con lo strumento freccia bianca dove volete. Le altre non hanno questi punti. Questo primo Expand servirà proprio a creare queste linee realmente)

Il secondo EXPAND che farete invece creerà dalle linee fatte di solo contornto delle figure con riempimento. Se andate a vedere da molto vicino vi renderete conto che i punti che compongono le vostre strisce tracciate con lo strumento matita e tutte le altre hanno il doppio dei punti cardine adesso.



Ora possiamo colorare il nostro lavoro finalmente (e se lo desiderate) con delle sfumature


Il nostro effetto finale sarà una specie di effetto 3D a reticolato molto simile alle immagini di cui vi parlavo all'inizio di questo post.



Nessun commento :

Posta un commento