Google+ Applicazioni Grafiche: Il tappeto che vorrei! Tra arte e prodotto di design

martedì 16 febbraio 2016

Il tappeto che vorrei! Tra arte e prodotto di design

Anonimi, scontati ed a volte sporchi, i tappeti sono l'ultima cosa su cui ci aspetteremmo di trovare qualcosa di spettacolarmente grafico e di design. Così non la pensano sicuramente gli Artisti/Designer di cui stiamo per parlare.



Quante volte siamo entrati a casa pulendoci le scarpe sullo zerbino senza nemmeno calare lo sguardo? In effetti perché dovremmo farlo? Già lo sappiamo che non ci sorprenderà. Eppure questa volta saremmo costretti a ricrederci:

Mi raccomando notate tutti che non si tratta di semplici stampe. Il disegno grafico è stato realizzato con l'intreccio dei fili, quindi con la trama stessa del tessuto. Questo fa si che il Prodotto/Opera sia di maggior qualità, oltre ad assicurare una maggiore resistenza e durata del disegno sul tappeto.
 

La squadra dello zurighese Schönstaub ha rilasciato questa grande serie di tappeti e teli da bagno ornati con varie foto di nebulose e scenari spaziali. Gli asciugamani in cotone al 100 % sono disponibili attraverso il loro negozio anche su ordinazione. ( LINK)







Faig Ahmed distorce i modelli di tappeti tradizionali azeri, smantellare la loro struttura al fine di costruire una composizioni nuova che inganna l'occhio. Con il reticolato del disegno originale, crea forme scultoree contemporanee che sembrano difetti digitali, modelli a metà tra un tappeto e un arazzo.
Ahmed spiega che il suo interesse per tessuti deriva dal loro valore storico, "L'umanità  ha tessuto per quasi tutta la lunghezza della storia umana. Un'altra cosa che mi interessa è il modello", dice Ahmed. "Modelli e ornamenti si possono trovare in tutte le culture, a volte simili, a volte molto diversi".
Ahmed vive e lavora a Baku, Azerbaijan e si è laureato dal dipartimento di scultura Statale Accademia di Belle Arti nel 2004. L'artista precedentemente focalizzato sulla pittura, ora si concentra solamente su tessuto e la scultura. Ahmed ha recentemente avuto una mostra personale io una galleria italiana Montoro12 dal titolo "Omnia mutantur, Nihil Interit," ed è attualmente in mostra a "Crafted: Oggetti in Flux" presso il Museum of Fine Arts di Boston fino al 10 gennaio 2016.






Utilizzando ritagli filo avanzi dalla fabbrica di tappeti della sua famiglia a Buenos Aires,l'artista Alexandra Kehayoglou intraprende un processo di hand-tufting laborioso per fabbricare tappeti di lana e tappeti che imitano materiali naturali come il muschio, l'acqua, gli alberi, e pascoli. La forma dei tappeti e l'equilibrio che comunicano, possono potentemente trasformare un'intera stanza in un rigoglioso prato punteggiato di specchi d'acqua e ciuffi d'erba. Molti dei suoi lavori sono arazzi che poi fluiscono dalle pareti al pavimento. È possibile trovare maggiori dettagli su istagram "Kehayoglou creazioni di tappeti"








Fonte: thisiscolossal.com

Nessun commento :

Posta un commento